Chiedimi il 5 Fondo Vacanze Felici
Log In

Fiscalità & Turismo

Come anticipato la scorsa settimana da FTO gli allarmismi di settore riguardo all’ipotesi di aumento delle aliquote IVA all’inizio del 2018 frutto delle clausole di salvaguardia si sono rivelati infondati.

Il Consiglio dei Ministri nella seduta di sabato 23 settembre alle ore 13.22 ha approvato la Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (DEF) 2017. Nello specifico, testuali parole:

Verranno completamente disattivate le cosiddette ‘clausole di salvaguardia’ per il 2018, evitando quindi aumenti dell’Iva e delle accise.”.

Il Direttore Nazionale di FTO Francesco Sottosanti, commentando il testo della seduta sopra citata, dichiara “il lavoro attento e puntuale della commissione legale di FTO aveva già previsto quanto poi si è avverato quindi non ha dedicato tempo all’argomento preferendo concentrarsi su altri aspetti concretamente più importanti per il settore”.

Sempre la scorsa settimana FTO ha scritto al Ministero delle Finanze nella persona dell’Onorevole Luigi Casero (Vice Ministro) in merito all’obbligo di adozione degli strumenti di pagamento elettronico (POS) da parte degli esercenti.

Siamo tutti consapevoli delle motivazioni di tale provvedimento relative alla riduzione del denaro liquido circolante con un miglioramento della tracciabilità dei pagamenti e quindi di una progressiva riduzione del cosiddetto “nero”.

Nessuno, tantomeno FTO vuole porre ostacoli a tale obiettivo. Sosteniamo, con le opportune argomentazioni, che adottare una misura senza tener conto dell’incidenza economica che può avere sul fatturato del dettagliante crea si un effetto virtuoso ma nel contempo affonda la mano nelle tasche dell’esercente che nulla può rispetto ai costi diretti ed indiretti che dovrà sopportare.

Facciamo presente che l’adozione di tali strumenti comporta dei costi fissi iniziali e di manutenzione e dei costi variabili consistenti in una percentuale sugli incassi. Per un operatore turistico intermediario ciò significa pagare una commissione sul valore totale incassato quindi non solo sulla parte di guadagno ma anche sulla parte che poi dovrà girare integralmente al produttore.

Ad esempio: un pacchetto turistico del valore al pubblico di €.1.000,00, dove l’agente di viaggio può avere una percentuale di margine del 15% (€.150,00), transato tramite POS con una Carta di Credito che applica una commissione del 1,5% costa €.15,00.

In realtà per l’agente di viaggio i 15,00 euro incidono il 10% sul suo vero margine.

15-17-FTO-Fiscalità_Turismo-26-09-17-1

wpa_off:
Parole chiave

Lascia un commento

I soci Nazionali FTO

Uvet

Gen 1, 2014

American Express

Gen 1, 2014

Brevivet

Gen 1, 2014

BFC

Lug 11, 2017

Primarete Network

Ott 6, 2015

TourisMix

Mag 30, 2017

Valtur

Ago 31, 2016

Frigerio Viaggi

Ott 6, 2015

GDSM

Gen 1, 2014

Royal Caribbean

Gen 1, 2014

Uvet Retail

Mag 30, 2017

Ventaglio

Lug 4, 2017

LBS

Gen 1, 2014

Marsupio Group

Feb 14, 2017

World Heritage by Uvet

Ott 6, 2015

Settemari

Mag 30, 2017

Groupama Assicurazioni

Ago 30, 2016

Clubviaggi

Set 1, 2016

UVET Global Business Travel

Ago 31, 2016

Borghini e Cossa

Gen 1, 2014

ParkinGo

Gen 1, 2014

Open Travel Network

Ott 6, 2015

SEA Milano

Gen 1, 2015

Travelport

Lug 5, 2017

You Can Go

Giu 9, 2015
«
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
»
MTSM Master Universitario